Premio Internazionale “Lombardia è ricerca”

La Giunta regionale della Lombardia ha annunciato l’apertura delle candidature all’edizione 2024 del Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca”, il riconoscimento da 1 milione di euro dedicato alle scoperte più significative nelle Scienze della Vita.

Per il 2024, le aree di interesse a cui possono fare riferimento le scoperte da candidare al Premio internazionale “Lombardia è Ricerca” sono:

  • Nuove frontiere della medicina, come la medicina personalizzata e lo sviluppo di modelli innovativi di cura, terapia e prevenzione.
  • Ricerche in ambito scientifico che permettono di superare i confini tradizionali, portando a eccezionali avanzamenti in biologia, chimica, fisica.
  • Avanzamenti tecnologici in diverse discipline di ingegneria e scienza, come ad esempio l’intelligenza artificiale, la robotica, i nuovi materiali e la nanotecnologia.
  • Sostenibilità ambientale e sociale, con riferimento alle ricerche su energie rinnovabili, cambiamenti climatici, inquinamento e salute globale.

Tutti i ricercatori con H-index pari almeno a 10 nel database Scopus possono esprimere la propria indicazione e sostenere così la ricerca ritenuta più promettente.
Non sono ammesse autocandidature.

Al vincitore o ai vincitori (fino a un massimo di 3 per la stessa scoperta) andrà il 30% del Premio.  Il 70% del Premio sarà destinato a progetti o borse di studio attivati in Lombardia e legati alla scoperta vincitrice: un modo per radicare sul territorio i risultati di più alto livello della ricerca scientifica internazionale.

Sarà possibile presentare le candidature entro il 15 luglio 2024 attraverso il seguente link.

La premiazione avverrà il prossimo 8 novembre durante la Giornata della Ricerca al Teatro alla Scala di Milano.

Dalla prima edizione ad oggi, il Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca” ha premiato scienziati come Giacomo Rizzolatti, Michele De Luca e Gabriella Pellegrini, Guido Kroemer, Pierre Joliot con Marcella Bonchio e Markus Antonietti, Rosalind Picard, Carl June e Steven Rosenberg.

In allegato potete trovare il regolamento per l’attribuzione del Premio.

Diamo spazio allo Spazio

Il “Il Distretto 2041 Rotary International” in collaborazione con l’Università degli studi di Milano-Bicocca e Regione Lombardia, promuove una iniziativa formativa e di sensibilizzazione sui dati spaziali rivolta a giovani meritevoli.

Il Distretto 2041 vuole dare un contributo alla sensibilizzazione dei giovani verso le nuove professioni per avvicinarli ai dati spaziali, alla filiera ‘downstream’ e a possibili nuovi sbocchi formativi ed occupazionali o solo avere chiaro che ‘lo spazio è più vicino a noi di quello che pensiamo’.

Il progetto, denominato “Diamo spazio allo Spazio” si configura nella sua prima edizione come un corso base, della durata di 40 ore, rivolto a studenti e/o giovani lavoratori meritevoli (under 25) individuati da Rotaract, Rotary club, aziende, Università e Istituzioni coinvolte e, per questa prima edizione, residenti in Regione Lombardia.

Il numero dei partecipanti è stimato in circa 40 discenti e comprenderanno anche studenti delle scuole secondarie di secondo grado al fine di generare crediti formativi validi anche per i progetti di “alternanza scuola-lavoro”

Il corso si svolgerà in autunno 2024 presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca che è tra i sostenitori insieme alle aziende coinvolte che forniranno parte dei docenti per dare ai ragazzi una esperienza il più possibile ‘hands-on’.

L’obiettivo di Diamo spazio allo Spazio è educare, accrescere la conoscenza e la curiosità nei giovani verso le opportunità legate all’utilizzo dei dati (o tecnologie) spaziali e dei loro benefici terrestri.

L’evento di promozione del progetto si terrà a Milano presso l’Aula Testori della Regione Lombardia, nella mattinata di sabato 15 giugno 2024 e il Presidente del Cluster Angelo Vallerani parteciperà all’interno di un panel dedicato allo Spazio.


Space Meetings Veneto 2024

Il Lombardia Aerospace Cluster partecipa alla fiera b2b Space Meetings Veneto, che si terrà nei giorni 20-22 maggio 2024 a Venezia.

Seconda edizione di questa business convention a partecipazione fortemente internazionale, focalizzata sulla filiera spaziale e con un programma di incontri pre-pianificati a disposizione. Si svolge nel territorio del Cluster aerospaziale del Veneto e il coinvolgimento del CTNA – Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio permette di aumentare la visibilità a livello internazionale.
La partecipazione del Cluster fa seguito a quella del 2023 che ha riscontrato un buon esito.

Insieme a noi, anche 12 imprese socie:

La partecipazione del Cluster beneficia del supporto della Camera di Commercio di Varese.

Prorogata la scadenza del Premio Tesi di Dottorato di ricerca STEM “ll Sorriso di Anna” lanciato dal CTNA con lo Zonta Club Alba Langhe di Roero

Il Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio  ha lanciato il Premio di Tesi di Dottorato di ricerca STEM “Il sorriso di Anna” dedicato alle donne e la nuova data di scadenza è il  05 Giugno 2024.

L’iniziativa promossa dal CTNA con lo Zonta Club Alba Langhe Roero, membro di Zonta International, è finalizzata a promuovere lo studio delle materie STEM e la scelta di una carriera di studio e di ricerca nel settore dell’aerospazio da parte del pubblico femminile.

La partecipazione alla manifestazione è aperta a tutte le donne che abbiano conseguito o stiano per conseguire il titolo di Dottore di Ricerca a partire dal 1° Gennaio 2023 ed entro il 15 Maggio 2024 presso una Università Italiana in una disciplina relativa alle Scienze, alle Tecnologia, all’Ingegneria e alla Matematica, discutendo una tesi su tematiche applicate all’aerospazio e più specificamente studi, applicazioni e tecnologie che riguardino la prevenzione e la tutela della salute

E’ forte la convinzione del CTNA e di ZONTA International che la sensibilità e la visione femminile del mondo possano apportare un contributo significativo, qualitativamente elevato e altamente innovativo anche nel settore dell’Aerospazio. In linea con la missione di valorizzazione e maggiore inserimento della figura femminile in tutti i settori professionali senza pregiudizi di genere, entrambe le associazioni intitolano questo premio alla memoria di Anna Ghione. La sua vita da imprenditrice con prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale nel settore della produzione di vini e spumanti e il suo impegno in progetti per la promozione dell’uguaglianza di genere nel settore agricolo ha lasciato un segno importante e prosegue anche tramite questa iniziativa.

La scadenza dell’iniziativa è stata prorogata al 05 Giugno 2024


Processi speciali, additive manufacturing, loro qualifica e tutela in ambito aerospaziale

15 maggio, ore 14.00 – 18.30 – Museo Nazionale dell’Automobile Torino, Corso Unità d’Italia 40

ACCESSO LIBERO – ISCRIZIONE OBBLIGATORIA


La produzione di strutture in ambito aeronautico e spaziale sta conoscendo rapide innovazioni sia tecnologiche sia progettuali, anche sulla spinta dei futuri orientamenti del settore a livello comunitario. Nuove soluzioni di prodotto si stanno rendendo disponibili alle aziende, specialmente sulla spinta di processi innovativi e di materiali di ultima generazione particolarmente adatti a soluzioni leggere, resistenti, a basso impatto ambientale.
Agli aspetti di innovazione tecnologica, a maggior ragione per il settore aerospace, è però fondamentale affiancare una gestione appropriata e consapevole dei cosiddetti “processi speciali” in ottica di qualifica e certificazione, fra cui rientrano per esempio la manifattura additiva e i processi per il recupero e valorizzazione dei materiali dismessi. In più, queste rapide innovazioni di prodotto e processo, rendono decisiva la protezione del segreto industriale per preservare competitività e livelli di innovazione.
Nel workshop saranno trattate queste tematiche, con l’obiettivo di trasferire e scambiare utili informazioni al passo con le recenti esigenze del settore e stimolare le interazioni con ricercatori e partner di filiera.

Space Architecture Workshop

Designing for Two Worlds

15 – 19 Luglio 2024

Milano

Al via la terza edizione dello Space Architecture Workshop “Designing for Two Worlds” organizzato dalla School of Disruption | Titan. L’appuntamento è dal 15 al 19 luglio.

Dopo le due edizioni precedenti, che hanno coinvolto partecipanti provenienti da più di 30 paesi in tutto il mondo, la School of Disruption continua la sua missione volta a democratizzare l’accesso all’innovazione.
La terza edizione del corso online, ancora una volta, non sarà solo un’esperienza estremamente pratica ma offrirà concrete opportunità di fare rete.
Questo workshop è stato progettato da Dr. Barbara Imhof, Managing Partner & co-owner of LIQUIFER Systems Group GmbH e René Waclavicek, Managing Partner & co-owner of LIQUIFER.

Tra gli argomenti che verranno trattati ci sono: sistemi di supporto vitale; pianificazione di una missione di ingegneria di una Base Lunare; Progettazione degli spazi abitativi.

Per maggiori informazioni è possibile scrivere a: info@disruption.school 

Additive Manufacturing per l’Aerospazio

Progettazione. Certificazione. Sostenibilità. Protezione.


Workshop in presenza in collaborazione con il Politecnico di Torino e il Progetto Mimosa
15 maggio, h 14.00 – 18.30
Torino, Museo Nazionale dell’Automobile


Al workshop, destinato prevalentemente alle aziende dei comparti aerospaziale e manifatturiero, interverranno relatori provenienti da aziende leader del settore, dall’ambito accademico e da aziende di servizio e supporto alle attività produttive. Tra questi, anche i partner italiani del Progetto MIMOSA, supportato dalla Commissione Europea.
L’obiettivo del meeting è di offrire un approfondimento in ottica progettistica, produttiva e strategica sulle ormai mature tecnologie di manifattura additiva in ambito aerospaziale. Un accento particolare sarà posto sulle linee guida per la qualifica e certificazione in ambito aeronautico, sulle potenzialità di economia circolare legate a questi processi, e sulla tutela della proprietà intellettuale e del segreto industriale.

SPACE DREAM 2024

Torna Space Dream, l’iniziativa del CTNA per diffondere la cultura aerospaziale nelle scuole


Torna Space Dream, l’iniziativa ideata e promossa dal Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio (CTNA) che si rivolge agli studenti e alle studentesse della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado (target di età: dai 6 ai 19 anni).

La manifestazione, alla sua quarta edizione, nasce dal desiderio del CTNA di diffondere la cultura aerospaziale nelle scuole ed ha come obiettivo quello di approfondire le tematiche proposte attraverso lo studio, il gioco, il coinvolgimento interattivo. A tal fine il CTNA mette a disposizione di studenti e studentesse una serie di risorse didattiche (filmati, video pillole, approfondimenti) per affrontare le “missioni” adeguatamente preparati. Tali risorse sono modulate sul livello di apprendimento di ciascuna fascia di destinatari.

Per l’edizione 2024 il CTNA si avvale del patrocinio e della collaborazione scientifica di ASI (Agenzia Spaziale Italiana) e di INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) e della cooperazione di Edulia Treccani Scuola, che ha realizzato il sito dedicato e contribuito alla definizione dei contenuti formativi.

Quest’anno il tema prescelto è il Programma IRIDE, uno tra i più importanti programmi spaziali satellitari di Osservazione della Terra che sarà realizzato in Italia su iniziativa del Governo grazie alle risorse del PNRR e sarà completata entro il 2026 sotto la gestione contrattuale dell’ESA – European Space Agency – e con il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

Per partecipare alla manifestazione ciascun docente dovrà iscrivere gratuitamente la propria classe sulla piattaforma www.ctna-spacedream.it e creare delle squadre, composte da un minimo di 3 a un massimo di 5 studenti coordinate da una ragazza per dare un contributo significativo alla parità di genere e incentivare una sempre maggiore inclusività del mondo femminile in ambito scientifico. Una volta terminata l’attività assegnata sarà necessario inviare il proprio progetto legato alla cultura aerospaziale entro il 06/05/2024.

Le attività oltre ad essere interessanti e divertenti sono anche veloci da realizzare. Si tratta di “missioni” spaziali suddivise in 4 categorie in base all’anno scolastico: creare un puzzle della Terra vista dallo Spazio, realizzare una breve pubblicazione sul programma Iride, creare un dossier (presentazione) incentrato sul programma Iride, partecipare ad un quiz spaziale. L’obiettivo di Space Dream è quello di avvicinare i giovani alla cultura aerospaziale e alle nuove tecnologie facendogli conoscere tutte le prospettive e le opportunità connesse.
Al termine della manifestazione culturale, una commissione qualificata sceglierà i migliori due progetti per ciascuna fascia d’età e i vincitori per ciascuna categoria verranno premiati a giugno nel corso di un evento in presenza e live streaming. La partecipazione alla manifestazione è gratuita.

INFO E ISCRIZIONI: www.ctna-spacedream.it

Tutti i dettagli per lo svolgimento delle attività sono descritti nella piattaforma, all’interno di ciascuna categoria.

CONTATTI:

  • Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio: Gaia Nardini (+39) 327.0978817 nardini@ctna.it
  • Edulia Treccani Scuola: Francesca Malverti francesca.malverti@edulia.it

Progetto F.A.R.E – Future, Ability, Research, Empowerment

Contesto: Progetto finanziato dalla Fondazione comunitaria Nord Milano, gestito dalla cooperativa la grande casa e da diverse associazioni del territorio Nord Milano

Obiettivi:  strutturare percorsi formativi per gruppi giovanili con il coinvolgimento anche delle aziende per ragazzi in età scolastica dalle scuole superiori. Sono ingaggiati  studenti di numerosi plessi scolastici superiori del territorio Nord Milano,  Licei, Istituti tecnici e professionali e  gruppi di giovani in età universitaria inclusi giovani di fasce più deboli a maggior rischio di abbandono del percorso scolastico.

Modalità di partecipazione delle aziende:

  • Le aziende possono comunicare le opportunità di stages e/o alternanza scuola lavoro che verranno pubblicizzate -> prego comunicare a emanuela.tacconi@lagrandecasa.it;
  • Le aziende possono partecipare e contribuire all’evento “Festival del lavoro e delle competenze giovanili del nord Milano” che si  terrà il 10,11,12 Maggio 2024  a Sesto San Giovani presso “spazio arte” di via Maestri del lavoro, 10:  sarà un evento per favorire l’incontro tra giovani, imprese e opportunità formative. Le imprese potranno contribuire con testimonianze, stand o altra forma partecipativa inclusa la sponsorizzazione-> prego comunicare a emanuela.tacconi@lagrandecasa.it;

Social:

Corso “NONLINEAR COMPUTATIONAL SOLID & STRUCTURAL MECHANICS”

Desideriamo segnalare questo interessante corso organizzato dalla nostra socia Università degli Studi di Pavia con il contributo di alcuni importanti colleghi internazionali.

 

Data di svolgimento: dal 6 al 10 maggio 2024

Luogo di svolgimento: Palazzo Vistarino, via sant’Ennodio 26, Pavia, Italy.

Docenti:

  • Ferdinando Auricchio. Professor of Mechanics of Solids at University of Pavia, Italy. Expertise: constitutive modeling of innovative materials, biomechanics, FEM. Projects: “3D@UniPV: Virtual Modeling and Additive Manufacturing (3D printing) for Advanced Materials”.
  • Manfred Bischoff. Head and Professor of Institute of Structural Mechanics at University of Stuttgart, Germany. Expertise: nonlinear computational structural mechanics and dynamics, modeling and analysis of shells, FE technology, structural optimization, contact problems, isogeometric analysis, adaptive structures.
  • Carlo Lovadina. Professor of Numerical Analysis at University of Milan, he mainly works on Galerkin methods for problems arising from Continuum Mechanics. He has contributed to design and theoretical analysis of FE and isogeometric methods for elasticity, including thin structures. Recently, his studies are focused on virtual element method applied to engineering problems.
  • Alessandro Reali. Professor of Mechanics of Solids and Head of the Department of Civil Engineering and Architecture at University of Pavia, Italy. Expertise: isogeometric analysis, advanced constitutive modeling, mixed FE, and strong-form methods.
  • Giancarlo Sangalli. Professor of Numerical Analysis at Mathematics Department of University of Pavia, Italy. Expertise: multiscale numerical methods, domain decomposition methods, isogeometric methods, with application in solid, fluid mechanics, and electromagnetism.
  • Robert L. Taylor. Professor of the Graduate School, Department of Civil and Environmental Engineering, University of California, Berkeley, USA. Expertise: computational mechanics, element technology, contact problems, solution algorithms and software development.